.
Annunci online

HappyGio
    ...un'inguaribile romantica,un po' isterica, però simpatica , certo unica...certo unicaaaaaaaaaa....

gemelleglitter

questo è il Blog di


anche se tutti mi chiamano
Gio...
sono del segno dell'

Aquarius

piccolina però mi intrufolo
dappertutto!



Specializzanda,o speck,
in Fisica Sanitaria,
anche se è difficile capire
cosa faccia un fisico
in ospedale...
Non è difficile capire
come sono, ma se volete
vi lascio ciò che una artista
di strada ha scritto di me,
guardandomi negli occhi:
"sei  comprensiva ed abituata
a prendersi cura degli altri.
Ti piace donare molto di te,ed hai un filo diretto
con il mondo dei piccoli"...

-c'est moi!-


Ballerina da 4 anni,
Giochista di ruolo da 2,
amante del mare da...
SEMPRE!
E poi...orecchini, che passione!!!

Ne ho...non so quanti!!

WISHLIST

- imparare a fare foto artistiche
- dire (di nuovo) "ti amo" credendoci
-
specializzarmi in fisica sanitaria
- fare da testimone al matrimonio
   del mio migliore amico
\a
- ridere come una matta
- nuotare con i delfini
- andare a cavallo
- ballare una coreografia tutta mia
- .....tanti tanti tanti altri.....

ImageChef.com - Custom comment codes for MySpace, Hi5, Friendster and more

Giovanna Venturi's Facebook profile

venite a vedere le mie foto su FLICKR

e per favore...



...La mia città...Bologna

anzi, per essere precisi è
la Città delle persone!


Quello in cui credo...


Silvio c’è… ma a me me lo puppa!

Berluscounter!

Free Tibet



Basta! Parlamento pulito


USA LA BICI
Io non fumo



i controlli sono l'unica difesa












Oggi mi tenete in compagnia in



counter
...Ti ho beccato! sei passato da qui!!

Map IP Address

una poesia...
Se io potrò impedire 
ad un cuore
di spezzarsi
non avrò vissuto invano -
Se allevierò
 il dolore di una vita
o allevierò una pena -
O aiuterò
un pettirosso caduto
 a rientrare nel nido
Non avrò vissuto invano.
Emily Dickinson

profile editor

profile editor


Firefox 3

 Blogarama - The Blog Directory

dammi il tiro
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
Technorati Profile
Add to Technorati Favorites
24 aprile 2008
la ricetta Emiliano romagnola della settimana: le crescentine
Questo è un altro fra i piatti tipici di questa zona. Viene solitamente classificato fra gli antipasti, ma vi assicuro che può bastare anche per farci una cena! io ne vado ghiotta, e vi riporto la ricetta di MammaGio, che per me è particolarmente buona!

CRESCENTINE O GNOCCO FRITTO

Ingredienti:

1 Kg di farina
2 cubetti di lievito di birra (circa 50 g)
2 cucchiai d'olio
2 uova
2 cucchiaini rasi di sale
latte e acqua per impastare


Preparazione

Mescolare gli ingredienti, facendo prima sciogliere il lievito nell'acqua tiepida e lavorare molto bene l'impasto. Mettere a lievitare per almeno tre ore, finché la massa duplica le sue dimensioni. Suddividere la pasta in blocchetto e lavorare le crescentine con le mani, lasciandole un po' grosse.
Friggere in abbondante olio o strutto e servirle calde.
Questo piatto si accompagna a tutti i tipi di affettato e a molti formaggi molli.
Consigliata dalla sottoscritta con un particolare tipo di affettato: LA COPPA!!!

NON RIMARRETE ASSOLUTAMENTE DELUSI!!!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cucina emiliana crescentine

permalink | inviato da HappyGio il 24/4/2008 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa
CULTURA
11 aprile 2008
la cucina emiliano romagnola: le tigelle
Ecco a voi il secondo antipasto della tradizione emiliano-romagnola! Mentre la piadina della scorsa settimana è Trade Mark romagnolo come tanti di voi mi hanno ricordato, la ricetta che sto per presentarvi è di origine Modenese, anche se è largamente diffusa anche qua a Bologna
LA TIGELLA

ingredienti:
600 g di farina,
200 g di panna da cucina,
sale,
acqua tiepida.




preparazione:
Sciogliere il lievito di birra in mezzo bicchiere di acqua tiepida, Impastare bene la farina con il lievito, lo strutto e il sale. Quando risulta bene amalgamato aggiungere la panna. Continuare a lavorare fino a quando risulta un impasto morbido.

Lasciare riposare l'impasto per 1 ora coperto.
Tirare la pasta (spessore 4-5 mm.) e fare dei disci con il bicchiere.
Stendere i dischi su un canovaccio, coprirli con un'altro canovaccio e lasciare riposare per un'altra ora.
Cuocere nella apposita padella oppure in forno disposti su una placca da forno.
Le tigelle si condiscono con salumi e formaggi, come le piade, ed anche la nutella. Ma un condimento particolare per questo tipo di antipasto è il pesto, veramente ottimo, ecco come si fa:

INGREDIENTI per il PESTO
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 rametti di rosmarino
  • 250 g di lardo
PREPARAZIONE
  • Sbucciare gli spicchi d'aglio e ridurli e pezzettini.
  • Lavare il rosmarino e ricavarne solo le foglie, scartando il ramo.
  • Mettere aglio e rosmarino su un tagliere e lavorarli a lungo con la mezzaluna, fino ad ottenere un trito estremamente fine. A tratti schiacciare il composto con il piatto della lama, per frantumare meglio l'aglio che altrimenti tende a rimanere un po' più grosso.
  • Mescolare il trito al lardo accuratamente, amalgamando bene.
  • Coprire con pellicola da cucina e conservare in frigorifero fino al momento dell'utilizzo.
Premetto che ero scettica nei confronti del pesto, ma mi è bastato assaggiarlo per cambiare idea!

Non rimarrete delusi!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tigelle cucina emiliano-romagnola

permalink | inviato da HappyGio il 11/4/2008 alle 9:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (29) | Versione per la stampa
CULTURA
1 aprile 2008
la ricetta Emiliano romagnola della settimana: la piadina
Ecco una nuova rubrica settimanale, un po' di sana cucina bolognese...
ma prima dei tortellini, delle lasagne e del ragù, partiamo con ordine dagli antipasti!

LA PIADINA

ingredienti:

500 g farina,
30 g Strutto
sale
bicarbonato
acqua tiepida q.b.



preparazione:

La piadina romagnola è una delle più tradizionali ricette romagnole. In passato veniva cotta su braci ardenti il "testo".
Impastare la farina con lo strutto, il sale il bicarbonato e tanta acqua quanto ne serve ad ottenere un impasto compatto e sufficientemente duro.
Stendete l'impasto formando dei cerchi dello spessore di1/2 cm. e del diametro di 15 cm.
Cuocere le piadine su una padella di ferro punzecchiando la superficie con la forchetta.
Farcire con affettato o formaggio. E se proprio volete fare i maiali provatela con la Nutella!!!

Non rimarrete delusi!!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. piadina cucina emiliana

permalink | inviato da HappyGio il 1/4/2008 alle 9:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (46) | Versione per la stampa
8 gennaio 2006
PHISIQUE DU ROLE...Questa non la capisco...
E' tanto che provo a digerire sta cosa ma proprio non mi va giù...Sto studiando l'esposizione alle radiazioni ionizzanti...e mi domando questo: vi sembra giusto che i lavoratori possano avere un limite di esposizione 20 volte maggiore della gente comune?? insomma le radiazioni fanno male non solo ai bambini...e il bello che alla mia faccia stupita il prof ha risposto: "va beh ma loro vengono pagati...lo sanno che rischiano, hanno l'indennità"!! Beh si allora bombardiamoli di radiazioni!!!
                     ??????



permalink | inviato da il 8/1/2006 alle 10:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia